Gite escursionistiche: Grand Hoche

Difficoltà: F (facile, scala alpinistica)
Dislivello: 1300 metri
Tempo: 5 ore salita alla vetta
Luogo di partenza: Fraz. Puys 1500 m.
Attrezzatura: imbragatura, casco, longe, corda

Grand Hoche è uno degli itinerari di trekking fra le bellezze della valle susa La Grand Hoche è quella meravigliosa muraglia di roccia calcarea, che si staglia nel cielo al di sopra del paese Beaulard, che non possiamo fare a meno di notare, ogni qual volta risaliamo in auto la valle di Susa.
La salita indicata è un bellissimo anello attorno alla montagna che ci permette di vederne tutti i suoi aspetti. Le difficoltà tecniche benché limitate non sono da sottovalutare, soprattutto per la verticalità e l'esposizione al vuoto in alcuni tratti della salita.
Da Oulx, proseguire in direzione di Bardonecchia lungo la strada statale fino al paese di Beaulard, da qui su di una buona carrozzabile, raggiungere la frazione di Puys, oltrepassare l'abitato e parcheggiare appena oltre le case.

Sulla sinistra notiamo un evidente sentiero (nel primo tratto molto largo, strada trattorabile) che si infila nel bosco, imboccarlo e salire fino ad un bivio nei pressi della cappeletta di S. Chiara, voltare a destra (ovest) e raggiungere la chiesetta di Madonna della Sanità, che si trova seminascosta tra i pini nei pressi dell'attraversamento del torrente.

Proseguire in direzione del Passo della Mulattiera, poco prima del colle, troviamo una vecchia caserma militare, oltrepassarla e raggiungere il Passo.
Qui ha inizio la Via Ferrata Degli Alpini, così denominata, è in realtà un sentiero attrezzato che attraversa il versante Nord della Punta Charrà con uno sviluppo di oltre un chilometro, dal Passo della Mulattiera, 2412 m., al Passo della Sanità, 2629 m.
Taglia all'incirca la metà della parete sfruttando cenge naturali con tratti intagliati nella roccia molto esposti.
Da qui in avanti è necessario imbragarsi, e usare la longe per agganciarsi al cavo di sicurezza, inoltre l' uso del casco è fortemente consigliato, percorrere l'intera via ferrata e raggiungere il Passo della Sanità a m. 2629.

Dal colle andare verso la sinistra (senso di marcia) e attraversando per detriti sul versante francese raggiungere un piccolo colletto chiamato passo d'Arbour m. 2667, da qui tenendosi il più possibile sulla cresta rocciosa raggiungere la vetta della Guglia d'Arbour m. 2804, punto più elevato della cresta della Grand'Hoche, se si segue fedelmente la cresta incontriamo passaggi su roccia di 1° e 2° grado, altrimenti evitabili tenendosi più in basso sul lato francese. (percorso apparentemente più facile ma molto meno sicuro).

Dalla cima della Guglia d'Arbour proseguire lungo la cresta di rocce rotte, scavalcando o contornando sul versante francese alcuni spuntoni di roccia e in breve si giunge sulla vetta della Grand Hoche m. 2762

Discesa: dalla vetta proseguire dapprima lungo la cresta e poi piegando sul versante sud-ovest, divallare in direzione del Passo della Grand' Hoche m. 2477, altrimenti chiamato, Passo dell'Orso, tracce di sentiero ed alcuni ometti indicano la buona strada, raggiunto il passo continuare a scendere sul sentiero che ora diventa evidente, fino al rifugio Guido Rey m. 1761: da qui individuare il sentiero che infilandosi nel bosco scende verso la fraz, Puys passando per la Cappelletta di S. Chiara.
Ore 3 fino a Puys

Vedi anche:

Gite escursionistiche in Alta Valle Susa

Monte Chaberton - Punta Nera - Monte Thabor - Grand Hoche - Monte Niblè - Cima Dormillouse - Punta Rognosa del Sestriere - Monte Fraiteve

Gite escursionistiche in Bassa Valle Susa

Monte Giusalet - Punta Sommeiller - Cima Ciantiplagna - Monte Orsiera - Monte Rocciavrè - Monte Musinè - Punta del Grifone - Rocciamelone - Rifugio Avanzà - Monte Giusalet - Parco Orsiera Rocciavrè

I percorsi e le gite sono state segnalate da ALTOX "guide di alta montagna". http://www.altox.it. Il link aprirà una nuova finestra del browser